Gioia fede e speranza in trattoria

8 aprile 2019
Commenti disabilitati su Gioia fede e speranza in trattoria

CD38DCFC-440C-41AE-AD02-22F951279242

Gioia fede e speranza in trattoria. Cena al Caffè La Crepa.

In provincia di Cremona sugli argini del fiume Oglio a Isola Dovarese sorgono i portici di una piazza rinascimentale ancora ben conservata nonostante la barbarie urbanistica dei tempi attuali. 

D06164B9-C2F5-479E-8079-15943C3917DD

Su questo gioiellino di piazza che è evidente sia stata disegnata con sobria signorilità, con mano ferma e mente serena da un architetto di mestiere, affaccia il Palazzo della Guardia che ospita il Caffè La Crepa noto ai tempi andati anche come Locanda del Ciclista.

Già solo la saletta di sapore Art déco, è un viaggio nella memoria gastronomica del paese. Un invito garbato a ritrovare – seduti in tavola – il respiro meno affannato. Un tacito rimprovero rivolto alle nostre beghe quotidiane inzuppate di futilità, tempo perso, discordie.

5EBAD468-B29B-42EF-A7DA-68C8459B7123

Queste sul menù le descrizioni di alcuni piatti odorosi dei ricordi irreversibili. Profumi al passato remoto col retrogusto delle mani impastate, delle preparazioni lente. Intreccio di ricette sussurrate a gesti antichi e precisi più che a parole.

  • Il Marubino ai tre brodi. Di casa in casa ogni marubino, trascina nel suo ripieno, oltre al salame cremonese, l’amore per la famiglia di chi lo prepara. Il dito indice, su cui viene avvolto, è la sempre giusta misura.

5248A5CD-DC2E-4AD6-884F-A65CBA769E42

  • Tortelli amari all’erba San Pietro (balsamita major). Tortelli tipicamente nostrani, ripieni con un’erba spontanea chiamata S. Pietro, fresca e unica nel suo genere.

B9E211CD-F925-4E4F-B1D3-AC676C0646D7

  • Bollito misto alla cremonese con salsa verde e mostarda. Dal celebre brodo cremonese, uno e trino, nacque il bollito.

B8F46616-8BDE-4AF5-9D4A-373AC6462D6D

Related Posts